A COSA SERVE IL GRUPPO DI CONTINUITA’

A COSA SERVE IL GRUPPO DI CONTINUITA 1A COSA SERVE IL GRUPPO DI CONTINUITA’ ?

 

Il Gruppo di Continuità o UPS stà per Uninterruptible power supply, ed è un dispositivo  in grado di eliminare i disturbi (sbalzi o picchi di tensione) presenti nell’energia elettrica che arriva nelle nostre case.

Oltre a questa funzione, il Gruppo di continuità “genera” corrente elettrica “pulita” per alimentare i nostri dispositivi (computer, schermo ..) in caso di mancata erogazione di corrente elettrica, permettendo, quindi, di salvare il nostro lavoro e spegnere in tutta tranquillità il dispositivo che stavamo utilizzando.

Come è fatto

I componenti fondamentali di un ups sono sostanzialmente 3:

  • la batteria,
  • un alimentatore
  • l’inverter.

Come sceglierlo

Scelta la tipologia di Gruppo di continuità dobbiamo scegliere il vattaggio (Watt), espresso spesso in Volt-Ampere (VA). E’ una fase importante e bisogna scegliere con cura poichè si rischierebbe che, nel caso venisse a mancare la corrente, i dispositivi collegati si spengano perchè il loro wattaggio è maggiore di quello che l’UPS è in grado di reggere.

A COSA SERVE IL GRUPPO DI CONTINUITA
Per definire il wattaggio complessivo dovete sommare i Watt richiesti a pieno carico dai dispositivi che utilizzate contemporaneamente, ad es.: usando il PC, è acceso anche lo schermo: PC (300W) +schermo LCD (50W): avete bisogno di un UPS di almeno 350W. Tenere in considerazione che maggiore è il wattaggio in più, maggiore sarà il tempo di autonomia.

Esempio: PC + schermo LCD consumano 350W (a pieno carico), nel caso di un UPS da 350Watt, la durata sarebbe all’incirca di 2-3 minuti, ovviamente dipende dalla qualità dell’UPS.

Scegliere un Gruppo di continuità sovradimensionato (nel caso dell’es. prendessimo un UPS oltre i 500Watt), non solo avremmo la possibilità di collegare contemporaneamente altri dispositivi, ma, nel caso di PC+ schermo LCD potremmo ottenere un’autonomia anche oltre i 6-7 minuti.

A COSA SERVE IL GRUPPO DI CONTINUITA 3Altre caratteristiche

I fattori da tener presente sono: la rumorosità ed il raffreddamento (lo definirei correlato per via del rumore generato dalle ventole). Il rumore è dovuto all’inverter che produce corrente. Il circuito di conversione genera un ronzio. Oltre ciò, molti UPS, sono equipaggiati con una o più ventole che entrano in funzione, insieme all’inverter.

Il Gruppo di continuità può essere collegato al pc anche senza che su quest’ultimo sia installato alcun software di gestione. Nel caso vi interessi gestire le funzioni dell’UPS, di solito si trova il CD con il software nella scatola del gruppo di continuità.

Tra le varie funzionalità, esso permette anche nel caso mancasse la corrente di avviare automaticamente lo spegnimento del PC. Si può collegare il Gruppo di continuità al pc tramite: cavo seriale, cavo USB, cavo ethernet.

I prezzi

La scelta di Gruppi di continuità è molto varia, e i prezzi dipendono oltre che dalla potenza in Watt , anche al tipo di forma d’onda che riescono a generare. I prodotti più economici ne hanno una non totalmente sinusoidale che possono limitare la vita di alimentatori delicati.

 

Se  volete sapere il prodotto più adatto alle vostre esigenze contattateci , vi sapremo indicare la scelta migliore .

 

A COSA SERVE IL GRUPPO DI CONTINUITA’
ultima modifica: 2016-01-15T18:50:03+00:00
da admin

About the Author: admin